nocciolaia

Nucifraga columbiana in America

Nucifraga caryocatactes  in Eurasia

Ha un sacchetto sublinguale in grado di contenere circa 50-150 semi, a seconda delle dimensioni dei semi. Ha una notevole memoria spaziale a lungo termine, durante l’estate seppellisce le scorte per l’inverno.  Sul terreno innevato si notano facilmente gli scavi effettuati per recuperare i semi.
La nocciolaia è molto legata al Pino Cembro, essendo per lei una fondamentale fonte di cibo e di riparo, tant’è che per molti anni, la Nocciolaia è stata selvaggiamente cacciata, ritenendola la massima responsabile della quasi scomparsa dell’albero. Anni dopo è stato scoperto che questo uccello è invece fondamentale per la diffusione del pino, motivo per cui la caccia venne abolita e la Nocciolaia venne inserita tra le specie protette a rischio.



diamante mandarino (Taeniopygia guttata)


Taeniopygia guttata

AustralianBirds-/Finches

Tendono a muoversi in piccoli stormi di almeno una decina di esemplari d'ambo i sessi.
Il maschio si occupa dell'architettura generale del nido, la femmina provvede alla sua imbottitura. 

gruccione

gruccione

Merops apiaster  = mangiatore di api

Si nutre prevalentemente di insetti, è ghiotto  di api e prima di mangiarle rimuove il pungiglione colpendo l'insetto ripetutamente su una superficie dura, nidifica sottoterra.

photo 

cicogna - cigüeña


Ephippiorhynchus senegalensis, perfetto esempio di amore coniugale e di monogamia.










Ephippiorhynchus asiaticus  Il becco a sella asiatico è molto sensibile ai cambiamenti ambientali, nella Lista Rossa della IUCN è valutato come "specie prossima alla minaccia".




 





arazzo del 1550 in lana e seta

















Anastomus oscitans Con una lunghezza di soli 68 cm, è una delle cicogne più piccole. 



averla piccola o falconcello

Uccello carnivoro, ha costumi tipici della famiglia, infatti oltre che dei soliti insetti (artropodi), si nutre anche di piccoli uccelli, piccoli mammiferi, lucertole e rane. Come quasi tutte le averle ha l'abitudine di infilzare la preda sulle spine dei rovi.

Lanius collurio

martin pescatore europeo


 Alcedo atthis
Nell'ambito del proprio genere di appartenenza, il martin pescatore comune è affine geneticamente al molto simile martin pescatore dalle orecchie bianche, oltre che al martin pescatore blu e al martin pescatore di Blyth
Il nome scientifico del genere deriva dal latino alcedo, termine utilizzato dagli antichi per descrivere questo animale e derivante a sua volta dal greco ἀλκυών (halcyon), in riferimento al mito di Alcione, che venne trasformata dagli dèi in uno di questi uccelli assieme al marito Ceice: il nome della specie deriva anch'esso dal latino Atthis, col significato di Attide, intesa come la bellissima favorita della poetessa Saffo è tuttavia da notare che Marziale chiama con questo nome Procne e Filomela dopo la loro trasformazione in uccelli (rispettivamente una rondine ed usignolo). 
Quando caccia fa lo Spirito santo o sia riesce a stare quasi immobile nell'aria.

beccogrosso azzurro


Blue Grosbeak
El picogrueso azul (Passerina caerulea, antes Guiraca caerulea) es un ave canora de la familia de los cardinálidos de Norteamérica que invierna en América Central y las Antillas.

.birdsandbirds.com/razze

egretta ardesiaca

egretta ardesiaca

L'airone nero si nutre, in solitario o in gruppi, di giorno con preferenza al tramonto, di piccoli pesci, crostacei, anfibi e insetti acquatici, con un metodo di caccia chiamato baldacchino: utilizza le sue ali come un ombrello, e utilizza l'ombra che crea per attirare i pesci.


Egretta.youtube.egretta ardesiaca



/black heron

albatros (Diomedeidi)



A causa delle loro grandi dimensioni, preferiscono vivere in luoghi ventosi, dove le correnti d'aria favoriscono il decollo.
Hanno un fascio tendineo incernierato all'altezza della scapola, che permette all'ala completamente stesa di bloccarsi in quella posizione senza ricorrere allo sforzo muscolare.


Spesso, per divertirsi, gli uomini d'equipaggio
Catturano degli albatri, grandi uccelli dei mari,
Che seguono, indolenti compagni di vïaggio,
Il vascello che va sopra gli abissi amari.
E li hanno appena posti sul ponte della nave
Che, inetti e vergognosi, questi re dell'azzurro
Pietosamente calano le grandi ali bianche,
Come dei remi inerti, accanto ai loro fianchi.
Com'è goffo e maldestro, l'alato viaggiatore! 

Lui, prima così bello, com'è comico e brutto!
Qualcuno, con la pipa, gli solletica il becco,
L'altro, arrancando, mima l'infermo che volava!
Il Poeta assomiglia al principe dei nembi
Che abita la tempesta e ride dell'arciere; 

Ma esule sulla terra, al centro degli scherni,
Per le ali di gigante non riesce a camminare. Baudelaire